Torna alla home page del MIUR top
top
spacer
 
Uffici
spacer
 

 
valutazione e merito
spacer
 

 
Corso–concorso nazionale per il reclutamento di dirigenti scolastici -D.D.G. n. 1259 del 23/11/2017
spacer
 

 
Concorso per il reclutamento di Dirigenti Scolastici
D.D.G. 13.7.2011
spacer
 

 
spacer
 

 
D.D.G. 82 del 24.09.2012
Concorso a posti e cattedre per il reclutamento del personale docente
spacer
 

 
Personale A.T.A.
spacer
 

 
fondi2014-2020
PON 2014-2020
ARCHIVIO GRADUATORIE

PON 2014-2020
AVVISI E CIRCOLARI
spacer
 

 
Insegnamento apprendimento della Matematica
Insegnamento apprendimento della Matematica
 

 
Operazioni di avvio a.s.
 

 


La Buona Scuola - Assunzioni a.s. 2015/2016 - Fase B

La Buona Scuola - Assunzioni a.s. 2015/2016 - Fase C
 

 
Anagrafe scuole
spacer
 

 
PROGETTO ALIAS
spacer
 

 
Personale scolastico
spacer
Dirigenti
spacer
Docenti
spacer
Personale A.T.A.
spacer
spacer
 

 
Progetti Concorsi Iniziative
spacer
 

 
Sezioni primavera
spacer
 

spacer
 
spacer
spacer
Prevenzione e sicurezza
spacer
 

 
INVALSI
spacer
 

 
Esami di Stato
spacer
 

 
Scuole paritarie
spacer
 

 
Orientamento
spacer
spacer
 

 
spacer
spacer
 

 
Link utili
spacer
spacer
 

spacer
 
spacer
spacer
Statistiche
spacer
 

spacer
 
spacer
spacer
Vales
spacer
 

spacer
 
spacer
spacer
spacer
 

spacer
 
spacer
spacer
USR INforma
spacer
 

fascia
 

Sistema Nazionale Di Valutazione
spacer
 
spacer

fascia
 
Indicazioni nazionali e Linee guida del 2° ciclo di istruzione
spacer
 
spacer

 
header  News

Convegno: Convenzione Italiana dei Giovani sull'avvenire dell'Europa

Dal 9 al 13 gennaio si è svolta a Roma la Convenzione Italiana dei Giovani sull'Avvenire dell'Europa.
Il convegno si è aperto ufficialmente alla Camera dei Deputati dove sono intervenuti: l'On. Pier Ferdinando Casini (Presidente della Camera dei Deputati), l'On. Gianfranco Fini (Vicepresidente del Consiglio dei ministri), l'On. Rocco Buttiglione (Ministro per le Politiche Comunitarie), il Dott. Francesco Tufarelli (Coordinatore dell'Osservatorio sulla Convenzione europea) ed altre autorità.

Un messaggio di buon lavoro è giunto anche dal presidente della Repubblica Ciampi: "nell'aspettativa, che il vostro incontro promuova un maggiore coinvolgimento della gioventù italiana nella costruzione europea".
L'assemblea era composta da circa duecento giovani, così ripartiti: diversi rappresentanti per ognuna delle più significative organizzazioni giovanili nazionali, quaranta rappresentanti delle Consulte studentesche italiane, specializzandi universitari in materie giuridico-politico-economiche europee e numerosi ragazzi selezionati attraverso i vari forum nazionali sull'Europa.

Nel pomeriggio del giorno 9, sono iniziate le attività suddivise in tre gruppi di lavoro: il primo su "I giovani e l'Europa: partecipazione, politiche e strumenti", il secondo su "Il futuro dell'Unione: riforme, istituzioni e politiche" ed infine "L'Europa nel mondo: pace, responsabilità e diritti".
Il nostro compito è stato quello di produrre emendamenti al fine di integrare ed arricchire la bozza di documento e di commento preparata dal Presidium.
Personalmente ho preso parte al primo gruppo di lavoro contribuendo attivamente alla modifica del progetto di testo e presentando due emendamenti che sono stati votati favorevolmente sia nel gruppo stesso che nell'assemblea plenaria e pertanto, inseriti nel documento finale della Convenzione (disponibile sul sito Internet www.avvenireuropa.it).

I due emendamenti riguardano l'ambito scolastico ed educativo e sono i seguenti: "Si chiede un intervento deciso ai Ministri competenti affinché i fondi per la scuola e le università pubbliche siano aumentati, portando il nostro Paese almeno ai livelli degli altri Stati facenti parte dell'UE"; "In ambito educativo, si chiede che venga affermato il valore di un'educazione pubblica di qualità eccellente, garante della costruzione di una società europea abitata da individui dotati di memoria storica e spirito critico, capaci cioè di esercitare il diritto di cittadinanza in modo attivo".

Il giorno 11 gennaio all'Università di Roma "La Sapienza" nella Facoltà di Economia e Commercio si è tenuta la riunione in Plenaria della C.I.G. dove tutti insieme, e di diversi orientamenti politici, abbiamo stilato il documento conclusivo sulla Convenzione.
La seduta plenaria è stata caratterizzata da un episodio poco piacevole, poiché quando si è trattato di votare alcuni emendamenti come la scelta se l'Europa doveva riconoscersi più nell'Alleanza Atlantica o nelle Nazioni Unite, oppure nella specifica della comune base "cristiano-giudaica" tra le radici che hanno fondato l'Europa proposto dai "Giovani Padani" e da alcuni vicini a Forza Italia, o anche il riconoscere "il diritto alla secessione" chiesto dai giovani leghisti, si è quasi sfiorata la rissa. Ci sono stati insulti e parolacce indirizzate anche nei confronti di noi rappresentanti delle Consulte Provinciali Studentesche, poi i lavori sono proseguiti fino a notte inoltrata.

Con la mia presenza ho cercato di rappresentare al meglio la mia regione, la Basilicata, esprimendo la voce degli studenti lucani molto sensibili ai temi europei.
Sono stato molto soddisfatto nel prendere parte ai lavori della Convezione Italiana dei Giovani sull'avvenire dell'Europa, soprattutto per l'opportunità datami di confronto con ragazzi provenienti da diverse realtà nazionali e regionali.
Penso che sia un momento importante; ora che noi giovani vediamo realizzarsi i progetti dei nostri padri, ora che siamo chiamati a pronunciarci sull'avvenire dell'Europa e le varie istituzioni che la caratterizzano, non possiamo assolutamente trascurare un evento del genere sottovalutandolo e non comprendendolo a pieno.
Ci troviamo di fronte a qualcosa di storico come la stesura della Costituzione Europea che cambierà la nostra vita e quella delle future generazioni, perciò è importante un contributo significativo da parte di noi giovani, affinché sia funzionale alla futura Federazione europea.

In questa prospettiva, le iniziative della Comunità Europea appaiono tanto più significative ed apprezzabili sia perché fortemente innovative rispetto ad un passato che, appena mezzo secolo fa, dava l'idea di un'Europa irrimediabilmente dilaniata ed avvelenata dal reciproco odio fra gli Stati; sia perché perfettamente funzionali alle rinnovate esigenze di pace e stabilità per l'intero continente, soprattutto dopo che il rigurgito dei nazionalismi nell'Europa Orientale e le terribili vicende del conflitto nella ex Jugoslavia hanno riportato a galla fantasmi di guerra rimasti placati per oltre quarant'anni dopo la fine dell'ultima Guerra Mondiale.
Un motivo in più, dunque, affinché noi giovani italiani e di tutto il continente europeo ci predisponiamo a guardare all'Europa unita come ad un mito altamente positivo, in grado di scardinare i falsi ideali della dittatura, della forza, dei particolarismi e dei nazionalismi, ai quali vanno sistematicamente contrapposti i valori della pace, della stabilità e della cooperazione fra Stati. Questi valori potranno ricevere un impulso decisivo dal consolidamento dell'Europa unita, destinata ad affermarsi come baluardo di democrazia e base di progresso per il pacifico sviluppo di interi popoli.
L'Europa, continente multietnico e simbolo di un progetto d'integrazione solidale e pacifica, può giocare un ruolo fondamentale in questo mondo globalizzato, anteponendo valori etici capaci di anteporre l'uomo alla brutale legge del puro profitto.

Giovanni Rosa

 
fascia
 
spacer
spacer
spacer
spacer
spacer
spacer
spacer
spacer
spacer
spacer
spacer
spacer
spacer
spacer
 
spacer



spacer

Istruzione.it
© 2000-2010 Ministero della Pubblica Istruzione - privacy