Torna alla home page del MIUR top
top
spacer
 
Uffici
spacer
 

 
valutazione e merito
spacer
 

 
Corso–concorso nazionale per il reclutamento di dirigenti scolastici -D.D.G. n. 1259 del 23/11/2017
spacer
 

 
Concorso per il reclutamento di Dirigenti Scolastici
D.D.G. 13.7.2011
spacer
 

 
spacer
 

 
D.D.G. 82 del 24.09.2012
Concorso a posti e cattedre per il reclutamento del personale docente
spacer
 

 
Personale A.T.A.
spacer
 

 
fondi2014-2020
PON 2014-2020
ARCHIVIO GRADUATORIE

PON 2014-2020
AVVISI E CIRCOLARI
spacer
 

 
Insegnamento apprendimento della Matematica
Insegnamento apprendimento della Matematica
 

 
Operazioni di avvio a.s.
 

 


La Buona Scuola - Assunzioni a.s. 2015/2016 - Fase B

La Buona Scuola - Assunzioni a.s. 2015/2016 - Fase C
 

 
Anagrafe scuole
spacer
 

 
PROGETTO ALIAS
spacer
 

 
Personale scolastico
spacer
Dirigenti
spacer
Docenti
spacer
Personale A.T.A.
spacer
spacer
 

 
Progetti Concorsi Iniziative
spacer
 

 
Sezioni primavera
spacer
 

spacer
 
spacer
spacer
Prevenzione e sicurezza
spacer
 

 
INVALSI
spacer
 

 
Esami di Stato
spacer
 

 
Scuole paritarie
spacer
 

 
Orientamento
spacer
spacer
 

 
spacer
spacer
 

 
Link utili
spacer
spacer
 

spacer
 
spacer
spacer
Statistiche
spacer
 

spacer
 
spacer
spacer
Vales
spacer
 

spacer
 
spacer
spacer
spacer
 

spacer
 
spacer
spacer
USR INforma
spacer
 

fascia
 

Sistema Nazionale Di Valutazione
spacer
 
spacer

 
header  Progetti

Educazione degli adulti. Promozione delle azioni di formazione integrata. A.S. 2002/2003

Allegati

(17/12/02) - Nell'ambito delle iniziative per la riorganizzazione e il potenziamento dell'Educazione Permanente degli Adulti, secondo le linee del documento approvato dalla Conferenza Unificata il 2 marzo 2000 e definite dalla Direttiva Ministeriale 22/01, il programma di intervento nelle aree depresse definito dal MIUR rappresenta una scelta strategica per contribuire allo sviluppo economico e sociale del Paese.
Il Programma si propone di potenziare gli interventi formativi e scolastici con priorità per quei territori caratterizzati da:

  • tasso elevato di disoccupazione;

  • bassi livelli di istruzione;

  • precario sviluppo economico del territorio;

  • forte disagio sociale;

  • rilevanti flussi migratori.

Questo Ufficio, anche in considerazione di quanto indicato nella Direttiva Ministeriale n. 53/02 al punto 1.d, intende attivare le procedure per l'erogazione di risorse finanziarie per interventi prioritariamente destinati all'alfabetizzazione funzionale degli adulti - Fondi C.I.P.E. -, da assegnare ai Centri Territoriali Permanenti per l'Educazione per gli Adulti, in rete con gli Istituti di Istruzione Superiore di II grado e con le Agenzie Formative del territorio.
Tali risorse, pari a Euro 261.390,15 disponibili sul cap. 1483 (ex cap. 1390) per l'e.f. 2001, potranno essere utilizzate per l'attivazione di corsi modulari e/o corsi brevi e per ogni altra tipologia di offerta formativa utile all'acquisizione di crediti formativi nel percorso di istruzione, formazione, lavoro all'interno dell'unitario Piano dell'Offerta Formativa specifico che ogni CTP è tenuto a presentare.

  1. I progetti presentati potranno fare riferimento alle seguenti tipologie formative:

    • recupero e qualificazione delle conoscenze di base di giovani e adulti con insufficiente istruzione scolastica in funzione dell'ingresso o del reingresso nel mercato del lavoro;

    • integrazione e arricchimento delle conoscenze e delle competenze di base di giovani e di adulti in corrispondenza dei nuovi obiettivi formativi conseguenti all'innalzamento dell'obbligo scolastico e dei nuovi percorsi dell'obbligo formativo;

    • alfabetizzazione funzionale di base, per il pieno esercizio del diritto di cittadinanza per adulti di diversa età, sesso, nazionalità e condizioni lavorative.

  2. Le attività progettuali dovranno essere programmate, nel quadro delle norme vigenti, in stretto raccordo e con coerenti strumenti di concertazione e di intesa con le Istituzioni territoriali, le parti sociali, le agenzie formative e le strutture del sistema produttivo.
    Esse dovranno prevedere:

    1. progettazione delle attività corsuali:

      • rilevazione del fabbisogno formativo specifico desunto dalla domanda individuale o territoriale;
      • analisi delle situazioni sociali e produttive del territorio;
      • motivazione dell'offerta di formazione;
    2. accoglienza e tutoraggio:

      • accoglienza orientativa;
      • bilancio delle competenze;
      • contratto formativo;
      • tutoraggio e assistenza individualizzata.
    3. percorsi formativi (inseriti all'interno del Piano dell'Offerta formativa specifico del CTP):

      • percorsi flessibili per il recupero dell'istruzione di base;
      • articolazione in moduli per aree di competenza (linguistica, scientifica, tecnologica, giuridico-storico-sociale);
      • percorsi per il conseguimento di microprofessionalità, abilità e competenze di base;
      • attività laboratoriali e pratiche;
      • progetti pilota per l'integrazione dei sistemi formativi e/o di diversi ordini di scuola, anche finalizzati al conseguimento dell'obbligo formativo;
      • progetti per la formazione linguistica a favore di giovani e adulti extracomunitari, compresi l'alfabetizzazione sociale e/o l'orientamento nel mondo del lavoro;
      • progetti integrati per l'acquisizione di competenze e abilità specifiche a favore di giovani e adulti carcerati, compresa l'acquisizione di nuovi alfabeti;
      • progetti di orientamento al lavoro, alfabetizzazione funzionale e di ritorno e di pre-professionalizzazione per giovani inoccupati;
      • progetti a favore di adulti disabili per l'orientamento al lavoro e per l'acquisizione di competenze minime a forte ricaduta sociale e integrazione.
  3. Lo sviluppo progettuale dovrà presentare carattere modulare, in modo da permettere la certificazione dei percorsi formativi secondo lo schema allegato alla Direttiva Ministeriale 22/01

  4. La tipologia dei destinatari potrà fare riferimento ad uno o più dei seguenti target:

    • giovani adulti appartenenti a gruppi deboli;

    • adulti con scarsa o nulla qualificazione;

    • adulti da riconvertire specializzati in attività superate dall'evoluzione dei contesti produttivi;

    • disoccupati di lunga durata;

    • donne in rientro nel mercato del lavoro;

    • casalinghe;

    • extra comunitari;

    • detenuti ed ex detenuti

  5. Al fine di affermare il principio della qualità progettuale, ogni CTP potrà partecipare con un massimo di un progetto per ciascuna tipologia allegando alla proposta, pena l'esclusione, il POF del CTP.

I progetti, il cui importo massimo autorizzabile è pari a € 37.341,45, potranno prevedere un impegno di spesa complessivo superiore a quello stabilito da questa Direzione Generale. In tal caso, l'Istituzione scolastica proponente dovrà indicare chiaramente nel piano finanziario le modalità di finanziamento degli importi eccedenti.
Si precisa che, stante la specifica destinazione dei fondi, saranno considerati ammissibili e quindi autorizzabili i progetti integrati esclusivi e adeguatamente contestualizzati derivanti da accordi di rete, da stipulare in coerenza con l'art. 7 del D.P.R. 275/99 tra Centri Territoriali Permanenti E.D.A. e Istituti Tecnici o Professionali. Particolare priorità sarà data ai progetti integrati con gli istituti secondari sedi di corsi serali curriculari e/o con i soggetti che, a diverso titolo, operano nel campo della formazione sul territorio: agenzie di formazione professionale, mondo dell'impresa, EE.LL., Associazioni culturali o di volontariato.
I Progetti, redatti in conformità con il formulario allegato e corredati da dettagliato piano finanziario, dovranno essere inviati entro e non oltre il 20 dicembre 2002 alla prof.ssa Patrizia Di Franco, presso il Centro Servizi Amministrativi - Via Siris - 75100 Matera.

Il DIRETTORE GENERALE
Franco INGLESE

Allegati
Formulario
Griglia di valutazione


spacer

Istruzione.it
© 2000-2010 Ministero della Pubblica Istruzione - privacy